NON SI MUORE DI SOLO COVID IL 31 MAGGIO è IL WORLD NO TOBACCO DAY

L’OMS: IL FUMO DI TABACCO E’ “LA Più GRANDE MINACCIA PER LA SALUTE NELLA REGIONE EUROPEA”

 

Se alla drammatica situazione degli ultimi mesi – la pandemia da Sars-CoV-2 -, può essere riconosciuto un merito, questo è aver messo sotto i riflettori l’importanza delle strategie di prevenzione e di promozione della salute in primo luogo rivolte contro l’infezione covid-19, responsabile ad oggi di circa 370.000 morti accertate nel mondo. Le giornate di incertezza e di paura che abbiamo vissuto e continuiamo a vivere certamente hanno portato i più a riflettere sull’importanza della salute e di un sistema sanitario messo nelle condizioni di offrire le cure necessarie a mantenerci in buona salute, ma sperabilmente anche all’importanza di prevenire l’insorgenza delle malattie, prima ancora che occorra rivolgersi a queste cure.

È in quest’ottica che andrebbe celebrata la ricorrenza del 31 Maggio, il “World No Tobacco Day”, istituito dall’OMS, con l’intento di incentivare all’astensione dal fumo di sigaretta per almeno 24 ore, e auspicabilmente in via definitiva. Il fumo di tabacco è un fattore di rischio modificabile e a cui possiamo liberamente scegliere di rinunciare (a differenza del tanto temuto Sars-Cov-2), rinunciando altresì alle 4000 sostanze chimiche che si sprigionano dalla sua combustione, tra irritanti e cancerogeni, e al rischio di “lasciarci le penne” tra broncopneumopatie croniche e patologie cardiovascolari. Solo per citare alcune delle patologie a cui si va incontro per via di questa – concedetemelo – sciocca e dispendiosa abitudine, patologie polmonari croniche, cancro del polmone e altre forme di cancro, vasculopatie, infertilità, rischio di aborti spontanei e complicazioni del parto nelle donne fumatrici in stato di gravidanza.

E se i numeri del Covid-19 impressionano, dovrebbero suscitare allarme quelli da ricondurre al fumo di tabacco, “la più grande minaccia per la salute nella Regione Europea” a detta dell’OMS, responsabile di 6,4 milioni di decessi nel 2015 (LANCET) e, si presume, nel 2030, di un numero cumulativo di morti nel mondo pari a circa 180 milioni. 

Il 31 Maggio è la giornata giusta per riflettere sulle politiche internazionali di “tobacco control”. Alle strutture di sanità pubblica e ai governi dei singoli Paesi è affidato il compito di prevenire e monitorare l’uso del tabacco; di proteggere le persone dal fumo, anche passivo, con la riduzione dei luoghi in cui è concesso fumare; di avvertire sui pericoli connessi al fumo con misure di promozione della salute che dovrebbero essere in primo luogo rivolte ai più giovani e agli adolescenti, che spesso per debolezza e influenza dei pari accettano di abbandonarsi ad un vizio tanto dannoso; di disincentivare  all’acquisto delle sigarette rafforzando i divieti sulla pubblicità, aumentando le tasse sul tabacco  e avvertendo sui pericoli ad esso collegati. Infine, non meno importante, l’OMS sottolinea l’importanza di offrire aiuto a chi vuole smettere di fumare mediante l’offerta di servizi sanitari appositi e appropriati, in quanto, oltre a tutti gli altri danni al fumo connessi, il tabacco notoriamente è in grado di renderci dipendenti e quindi meno liberi. 

Eppure la dipendenza non ci esonera dal dovere di badare in prima persona alla nostra salute, anche, se necessario, chiedendo aiuto.

 

Valentina Mingrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: