Modena Viaemili@docfest: decima edizione

 

La città di Modena raggiunge un traguardo importante in questo 2019: la celebrazione della decima edizione del Modena Viaemili@docfest, il festival che vede coinvolti in due diverse sezioni registi e scuole italiane di cinema. 

L’ammirevole obbiettivo di quest’evento ormai consolidatosi in ricorrenza è la diffusione del cinema documentario per mezzo di un concorso online, affiancato dalla proiezione concreta di elaborati particolarmente meritevoli all’interno del panorama italiano più recente. Peculiare la scelta di alcuni registi di volgere l’attenzione al di là del territorio nazionale per creare un focus su contesti sconosciuti o ignorati dai più.  In alcuni casi la visione live è inoltre dotata del valore aggiunto della possibilità di dialogare con il regista, in uno scambio costruttivo di punti di vista ed emozioni tra chi è stato dietro la videocamera e chi si gode il contenuto. 

Il regista qui non è altro che un poeta delle immagini, nell’accezione etimologica del termine: poiētḗs infatti in greco vuol dire creare, e cos’è un documentario se non uno stralcio di vissuto reso immortale da un deus ex machina terreno, che è il regista stesso?

Le proiezioni seguono una logica ben precisa e sono perciò suddivise per tematica: si parla di migrazione, di storia… e non manca una bella (e giusta) dose di femminismo.

Modena Viaemili@docfest lancia un messaggio fondamentale, ossia che l’apertura e la collaborazione sono il cibo del mondo; sono stati perciò felicemente coinvolti nell’evento il Festival della migrazione, il Festival dei popoli, l’associazione Libera e il Festival della Laicità. Non si dimentichi che l’evento stesso è anche una tappa del corso di alta formazione “Storytelling immersivo e interattivo: metodi e tecniche per il racconto audiovisivo del reale”.

Davanti a una realtà multiforme, simile a un mosaico sottoposto a continui restauri, risultano necessari strumenti sempre nuovi per coinvolgere un’audience sempre più esigente. Sulla scorta di ciò il festival, nella sua seconda sezione, prevede un bacino online per immortalare e rendere liberamente fruibili gli elaborati in gara: è perciò previsto il “Premio del Pubblico Web 2019” affiancato dal “Premio della Giuria ViaEmiliaDocFest 2019”, il “Premio cinemaitaliano.info”, il “Premio D.E-R” e infine il “Premio Scuole 2019”.

L’edizione 2019 ha designato vincitori i seguenti documentari: 

Montagne Blu di Vera Dellavalle, Francesco Dejaco, Emma D’Orto, Giovanni Perolo  

Malo Tempo di Tommaso Perfetti 

Le creature di Andrea di Thomas Saglia 

No Kids For Me Thank You di Linda Nyman 

Il torchio d’oro di Giuseppe Bernardo 

Atto di fede di Vittorio Antonacci.

 

Rossana Cea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: