Statuto

STATUTO

Lo Strillone Universitario nasce libero, rivolto agli universitari e scritto dagli studenti stessi. Promuove la cultura scientifica e umanistica attraverso la creatività dei redattori e dei collaboratori; si costituisce inoltre come progetto volto a promuovere attività studentesche interne ad UNIMORE, iniziative dell’Ateneo oltre che come strumento di aggregazione.

Il giornale è generalista, tratta di argomenti anche distanti dall’ambito universitario, nella forma di articoli scritti o altro.

Lo Strillone Universitario è affrancato da posizioni partitiche e sindacali e mira alla pluralità delle opinioni. Il giornale collabora in maniera continuativa con Unione Universitaria di Modena e Reggio Emilia, verso la quale non vi sono rapporti di subalternità.

L’organo direttivo del giornale è il CDA, composto da Matteo Ballotta nella figura di Direttore, Alessio Dondi nella figura di Vicedirettore e da Lucia Bezzetto e Riccardo Martino.

Il CDA si pone come organo di tutela della qualità degli elaborati e come interlocutore nei confronti dell’Ateneo e delle associazioni interne ed esterne ad esso.

Il CDA si fa inoltre promotore, al fine di garantire che i redattori possano lavorare nel miglior ambiente possibile, di linee editoriali contrarie ad ogni forma di discriminazione, riprendendo lo spirito dell’articolo terzo della Costituzione.

Le azioni disciplinari nei confronti dei redattori o dei collaboratori possono essere intraprese solo dal Direttore che le dispone in completa autonomia. Tali azioni sono incontestabili ed irrevocabili e possono prevedere la sospensione temporanea o a tempo indeterminato dal progetto. Il Direttore sceglie in autonomia la composizione del CDA, sia per numero che per persone oltre che il proprio successore. Ha la facoltà, inoltre, di attivare o annullare rapporti di collaborazione con associazioni interne o esterne all’Ateneo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: