“BUY LESS,CHOOSE WELL,MAKE IT LAST”: Un tuffo nella cultura Vintage

Navigando in rete capita sempre più spesso di venire a contatto con parole quali “Thrift
haul”,”Vintage”,”re-used”o ”Flea Market”. Ciascuna di queste parole sono tendenze nuove nate in
America e di seguito sviluppatesi in tutto il mondo più o meno uniformemente soprattutto grazie ai
Social Networks.
Lo scopo principale di questo movimento è ridare una vita a oggetti ormai considerati “out” o
semplicemente caduti in disuso e ha contagiato vari ambiti,dalle automobili ai videogiochi,dalla
musica alla moda,per citarne soltanto alcuni.
Parlare di Vintage e usato è quasi impossibile per un articolo soltanto perciò mi dedichero`
soprattutto al fenomeno dei mercatini del riuso e delle pagine dedicate Online.
In Italia negli ultimi anni si ha assistito ad una crescita esponenziale di appassionati d`antiquariato e
di conseguenza ci si è dovuti adeguare allestendo mercatini in tutta Italia ogni Weekend.L`Emilia
Romagna è uno dei capisaldi di questo fenomeno giovane con I suoi 10 mercatini sparsi in vari
punti della regione ogni domenica. In testa abbiamo il Lazio seguito da Lombardia,Sicilia,Toscana e
via dicendo.
Inoltre possiamo vantare uno dei mercatini dei più longevi proprio a Modena in Piazza
Grande(“L`antico in Piazza Grande”) con oltre 100 espositori ogni weekend dal 1978.
A Parma invece,due volte l`anno(Autunno-Primavera),ha luogo il “Mercante in fiera”,un evento di
dimensioni colossali distribuito in 3 o 4 padiglioni alle Fiere di Parma.
Dopo aver chiarito qualche numero,la domanda sorge spontanea: “ perché questo fenomeno attira
sempre più gente?” e “quali sono le età maggiormente coinvolte?”.
Partendo dalla seconda domanda la risposta è semplice e diretta:”L`antiquariato non ha età ”.
E` un mondo talmente vasto da comprendere tutte le fasce. Ne fanno parte sia I neofiti desiderosi di
fare un “tuffo” nel passato sia gli estimatori esperti e sempre più le nuove generazioni.
Per rispondere alla domanda del “perche` l`usato attira sempre di più ” bisogna attingengere invece
allo sviluppo di nuove mode come l`eco-friendly. Riciclando e usando la propria fantasia,ad
esempio,ci si puo` creare un guardaroba unico grazie a “chicche” uniche.
Sicuramente il Re-used ha tanti pro e nessun contro. Non a caso la nota e rriverente stilista
britannica Vivienne Westwood ripete quasi come un mantra “Buy less,choose well,make it last”
cercando di convincere le persone a dar più valore ai propri acquisti,che siano abiti o qualsiasi altra
cosa.
Per chiarire le parole citate ad inizio articolo voglio far riferimento a varie pagine Instagram e canali
Youtube,ciascuno dei quali offre un proprio punto di vista sul Vintage.
Partiamo con due sorelle americane specializzate in Thrifting Haul,cioe` video in cui vanno alla
ricerca di abiti e accessori condividendoli sul loro canale Youtube @Studio86. I video sono
divertenti retroscena e spezzoni dei loro girovagare in enormi negozi zeppi di vestiti e oggetti
strampalati.
Una visione simile è condivisa anche da una multitudine di altri canali YT tra cui @Nayva.official e
il suo equivalente maschile ,@Paq.official. Il comun denominatore di questi gruppi ragazzi e
ragazze di etnie diverse è lo sfidarsi in Challenges,cioe`in sfide a suon di Outfit e tanto
divertimento
@acidocitricox invece è una ragazza italiana tutta sale e pepe che filma video e posta foto inerenti
alla sua visione del Re-used.
Se invece preferite video dedicati allo styling meglio puntare su canali YouTube professionali come
@thenotoriouskia e @TheLineUp. Ad ognuno il proprio stile.
Ma del resto,dopo aver chiarito numeri e l`obiettivo dei Flea market,va spiegato il perche`del
successo di questo fenomeno in ascesa.
Sono anni che bazzico I mercatini della zona e il piacere sta proprio nell`uscire,nell`incontrare
persone(e personaggi) di ogni tipo,eta` e genere. Il vintageè quasi una religione e per alcuni un
lavoro serio,
Anche I mercatini cambiano stile da regione a regione in base alla cultura del luogo e alle proprie
usanze(e di seguito cambia il pubblico che partecipa).
Anche se il piacere dello scovare cio` che cercavi e di scoprire chicche insospettbili è
incomparabie,c`è chi si dedica a questa ricerca estenuante ma divertente sulla rete.Al giorno d`oggi
I siti dedicati all`usato e al vintage si stanno moltiplicano e le soffitte dei nostri nonni si stanno
riscoprendo delle fonti di sorprese fino ad`ora insospettabili.Infatti la filosofia del riuso sta tutta nel
fatto che cio` che a qualcuno puo` sembrare inutile puo` rivelarsi per qualcun`altro.
Di seguito segnalo due pagine che trovo interessanti e complete.
Per primo voglio citare @REused,una pagina nata a Reggio con il motto “#Freak #Cheap
#Unique” ,perfetto per descrivere in tre parole la missione principale del riciclare.
Per I più sofisticati invece cito @VestiareCollective,un sito di compravendita di marchi riconosciuti
internazionalmente.
I desideri ,si sa, possono mutare nel tempo con noi.Un esempio?Se fino a qualche tempo fa ero
sempre a caccia di Vinili delle mie bands anni `70-`80 preferite,ora il mio scopo è virato sul ridar
una nuova vita a capi d`abbigliamento che attendevano soltanto me.E il piacere sta proprio nello
scoprire questi piccoli e insospettabili “tesori” ricoperti con una patina del tempo impareggiabile.
Voglio finire con un elenco dei Flea Market piu` famosi del mondo che fungono da modelli.
Primo tra tutti Portobello Road Market,una via nel cuore del quartiere Notting Hill di Londra
dedicata unicamente a negozi e botteghe alternativi.L`atmosfera assomiglia ad un concerto Punkunderground sempre in corso.Probabilmente questa parte della capitale inglese non è mai uscita
dagli anni `70.
Sempre in Europa,”Les Puces de Saint-Ouen” a Parigi è un altro dei capisaldi dei Flea Market.
Per finire brevemente una lista altrimenti infinita,chiuderei con “El Rastro”,il più grande e antico
mercatino di Madrid.
Tutti andrebbero visitati almeno una volta nella vita anche soltanto per respiare per qualche ora la
vita quotidiana dei residenti del luogo.

Elisa Cavini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: